Burlesque Extravaganza: in viaggio con Grace Hall

di | 17 Marzo 2019

Aggiornamento 7 Aprile 2019

Condividi! ❤️
Questa è la storia di un viaggio alla scoperta del burlesque. Ed è una storia vera.
Burlesque Extravaganza, Grace Hall

La locandina di Burlesque Extravaganza

Già, perché raccontare il burlesque contemporaneo con la finzione è impresa ardua. Non a caso chi ci è riuscito – Mathieu Amalric con Tournée – ha comunque usato personaggi reali calati in un contesto fictional.

Per questo motivo, i documentari sull’argomento sono più numerosi e tendenzialmente meglio riusciti. L’esempio americano più recente, nel momento in cui scriviamo, è Getting Naked: A Burlesque Story di James Lester.

Nel nostro Paese, l’ardua impresa è stata affrontata coraggiosamente da Grace Hall: tra le burlesque performer italiane più apprezzate anche all’estero, cantante e attrice, ha scelto di debuttare nella regia proprio con un documentario sull’arte performativa più scintillante: Burlesque Extravaganza.

Grace Hall, d’una eleganza impalpabile sul palco, dietro la macchina da presa assume una prospettiva altra, concreta, e va alla scoperta del burlesque con le persone che vi lavorano, svelandone non solo il corpo, ma anche il cervello, l’anima, il cuore e la pancia.

LouLou D'vil

LouLou D’vil in un fotogramma del documentario Burlesque Extravaganza

Lei stessa si apre in prima persona, raccontandosi bambina dai capelli corti, reinventati grazie a uno stratagemma. Non ha paura, svela qualche debolezza umana per diventare così ancora più forte e comunicativa sullo schermo.

Ma non per questo si fa primadonna del film, anzi: ci cede il suo occhio, ci regala la sua voce narrante, lasciando ampio spazio a colleghe e colleghi d’ogni parte del mondo, (tra cui Bianca Nevius, Kitten DeVille, Janet Fischietto, Erochica Bamboo, Amber Ray, Laurie Hagen, Russell Bruner…) oltre che a ospiti speciali e inaspettati (Marcella Puppini, Renzo Arbore).

In più non racconta il burlesque, bensì lo indaga, fa in modo che si sveli, senza dare per scontato nulla. Non fornisce una conoscenza che arriva dall’alto, ma un’esperienza che arriva dal basso: quella di chi calca i palchi e, nel backstage, raccoglie le testimonianze di chi fa il suo stesso lavoro.

Uno degli aspetti più interessanti dell’opera è il suo essere un road movie. Allontanandosi dal cliché che vede il burlesque (solo) come arte elegante e frou frou, recupera una dimensione molto pratica e ben più vicina alla realtà professionale che all’immagine artistica: il nomadismo caratteristico di chi fa questo lavoro.

La concretezza della ricerca, però, non lede il pensiero. Burlesque Extravaganza è anche una riflessione sulla figura della donna in epoca contemporanea e gli stereotipi che l’accompagnano.

Ma qui ci fermiamo con la nostra introduzione all’opera, perché il nostro scopo è solo incuriosirvi e stimolarvi a lasciare che Grace Hall vi prenda per mano e vi trasporti in questo viaggio alla scoperta del neo burlesque.

Trovate Burlesque Extravaganza su Amazon e su altri canali indicati sul sito ufficiale del film.

 

Trailer BURLESQUE EXTRAVAGANZA A film by Grace Hall from Zed Film srl on Vimeo.

Burlesque Extravaganza: in viaggio con Grace Hall ultima modifica: 2019-03-17T14:53:53+01:00 da Attilio Reinhardt
Condividi! ❤️

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Category: Film, Musica, film, libri, ecc.

facebook-profile-picture

L'autore di questo post ()

Attilio Reinhardt è un entertainer e presentatore di spettacoli di varietà ed eventi, con lo stile dei conduttori del passato. Oltre a questo, è anche autore di pubblicazioni dedicate alla storia e alla cultura del teatro leggero. Dal 2006 a oggi è stato protagonista della scena burlesque, venendo soprannominato “Ambasciatore del burlesque in Italia” a seguito di tanti spettacoli dal vivo e progetti editoriali dedicati all’argomento, come il sito Burlesque.it e il libro Burlesque: curve assassine, sorrisi di fuoco e piume di struzzo. Tra i suoi progetti editoriali dedicati allo spettacolo leggero nell'Europa del Novecento, anche i siti Kabarett.it e MilanoVarieta.it. Ha collaborato come columnist con il Mitte, il quotidiano italiano di Berlino. Nella stagione 2015/2016 ha scritto e condotto con Sara Cassinotti il programma Radio Variété, su Radio BlaBla. È stato direttore artistico e conduttore degli show mensili Variété Night (2016-2018) e Saturday Night Hell (2017-2018) in scena alla Maison Milano.

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

Sites That Link to this Post

  1. Tutti (o quasi) i film sul Burlesque | Burlesque.it | 22 Aprile 2019