Londra: scopriamo i luoghi di Lydia Thompson, primadonna del burlesque

di | 26 Aprile 2011

Aggiornamento 16 Settembre 2015

Condividi! ❤️

Dal 26 al 30 aprile, Londra è la capitale europea del burlesque per l’edizione 2011 della London Burlesque Week. Immaginiamo che molti di voi non perderanno l’occasione per godersi una piacevole settimana a base di tutto ciò che il burlesque contemporaneo propone di meglio nel Vecchio Continente.

Ma vi suggeriamo anche di approfittare di quei giorni per ripensare anche alle origini dello spettacolo che, dai paesi anglofoni fino a tutto il resto del mondo, si è diffuso con il nome di burlesque. Sarà l’occasione ideale per ripercorrere alcune tappe della vita e della carriera di Lydia Thompson – eclettica ballerina, coreografa, attrice, regista, produttrice del burlesque inglese della seconda metà dell’Ottocento –  prima del suo trionfale viaggio negli Stati Uniti.

Covent Garden è sempre una tappa piacevole, quando si visita la capitale inglese; un motivo in più per passarci è Brydges Street, la via in cui sorgeva la casa natia della Thompson.

Qui, nella bottega di Burlesque.it, c’è una forte passione per il musical di Andrew Lloyd Webber The Phantom Of The Opera, che dal 1986 è in cartellone nel celeberrimo Her Majesty’s Theatre; se ancora non l’avete fatto, non perdete l’occasione per assistere allo spettacolo, visto che le assi di quel palco vennero calcate anche dalla giovane Lydia nel 1852, al suo primo ingaggio nel corpo di ballo del teatro.

Seguendo l’ordine cronologico della carriera della madre del burlesque di fine Ottocento, passate per l’Haymarket Theatre, nel West End, che tuttora ospita spettacoli di alto livello. A Duke Street, nella zona di St. James’s, sorgeva il St. James’s Theatre, dove la nostra riscosse continui successi in diverse rappresentazioni; l’edificio fu poi demolito nel 1957, nonostante le proteste di due grandi attori che vi fecero tappa nella loro carriera: Vivien Leigh e Laurence Olivier.

Il successo di Lydia Thompson, a questo punto, varcò i confini di Londra: quattro anni dopo aver messo in scena Ixion nel Theatre Royal di Birkenhead, nel 1868 salpò per gli Stati Uniti e conquistò New York con le sue British Blonde. Ma questa è un’altra storia…

Visualizza Mappa dei luoghi di Lydia Thompson in una mappa di dimensioni maggiori

Londra: scopriamo i luoghi di Lydia Thompson, primadonna del burlesque ultima modifica: 2011-04-26T07:24:22+01:00 da Attilio Reinhardt
Condividi! ❤️

Tags: , , , , , ,

Category: Percorsi

L'autore di questo post ()

Attilio Reinhardt è un entertainer e presentatore di spettacoli di varietà ed eventi, con lo stile dei conduttori del passato. Oltre a questo, è anche autore di pubblicazioni dedicate alla storia e alla cultura del teatro leggero. Dal 2006 a oggi è stato protagonista della scena burlesque, venendo soprannominato “Ambasciatore del burlesque in Italia” a seguito di tanti spettacoli dal vivo e progetti editoriali dedicati all’argomento, come il sito Burlesque.it e il libro Burlesque: curve assassine, sorrisi di fuoco e piume di struzzo. Tra i suoi progetti editoriali dedicati allo spettacolo leggero nell'Europa del Novecento, anche i siti Kabarett.it e MilanoVarieta.it. Ha collaborato come columnist con il Mitte, il quotidiano italiano di Berlino. Nella stagione 2015/2016 ha scritto e condotto con Sara Cassinotti il programma Radio Variété, su Radio BlaBla. È stato direttore artistico e conduttore degli show mensili Variété Night (2016-2018) e Saturday Night Hell (2017-2018) in scena alla Maison Milano.

Comments are closed.